17 Giugno 2024
No menu items!
HomeCronacaSei anni di silenzio sulle sorti del marito, un video riaccende la...

Sei anni di silenzio sulle sorti del marito, un video riaccende la fiducia

E’ una donna che da sei anni non ha più notizie di suo marito e padre dei suoi tre figli, a chiedere delle indagini per riuscire a rintracciarlo. L’uomo, albanese di origine, stava tornando in Italia su un barcone, quando è letteralmente scomparso. A nulla sono valse le denunce della donna, per sei anni non ha avuto alcuna notizia. Poi nei giorni scorsi la sorpresa. “Sono rinata e morta di nuovo” spiega la donna che non si vuole arrendere. Alcuni esponenti delle forze di polizia mi hanno chiesto di identificare un uomo ripreso in un video quell’uomo era proprio suo marito. “Ma non mi hanno saputo dire nulla, neanche dove fosse stato girato il filmato e quando. Ho capito che almeno uno era un appartenente all’Arma dei Carabinieri. Mi hanno detto che a seguito della denuncia che avevo sporto, dovevo riconoscere il soggetto ripreso. A sei anni da quel maledetto viaggio disperato che forse mio marito Imeraj Ksandros non ha nemmeno iniziato perché probabilmente è stato catturato da qualcuno, mi sono ritrovata davanti le immagini di lui. Era lui. Occhi, volto, tatuaggi, cicatrici. Era il padre dei miei tre figli. Un misto di emozioni che in pochi minuti però, hanno lasciato spazio al terrore di non sapere nulla. Io – ci racconta la donna – ho un sospetto: la possibilità che si tratti di una ripresa fatta in Slovenia per questo ho presentato con i miei avvocati anche una denuncia all’Interpol e una richiesta al Dap, il Dipartimento penitenziario chiedendo se mio marito fosse detenuto in qualche struttura italiana. Il Dap, nemmeno io ci credevo, ha risposto in un giorno. Imeraj non è detenuto in Italia. E allora quello che io chiedo di scoprire alle forze dell’ordine è di capire dove sia”.
“Sono preoccupata perché Imeraj in quel video che lo ritrae in una stanza bianca, era visibilmente in difficoltà, non stava bene, forse era stato picchiato. L’avvocato, ha presentato una richiesta all’Interpol ieri, attendiamo qualche informazione per la prossima settimana – spiega la moglie – stato il primo amore, quello vero, della mia vita. Poi il caso ha voluto che lui si trovasse a dover attraversare il mare. Imeraj era sottoposto ad una misura cautelare che aveva violato, e forse per scampare alla detenzione in carcere era tornato in Albania. Poi la decisione di provare a tornare dalla moglie e dai figli, ma la sua moto d’acqua è stata ritrovata a Budva, in Montenegro. Da allora mai più nessuna notizia. La famiglia di Imeraj oggi vive ad Artena da poco, prima la residenza era a Genzano. Ora la donna e i suoi tre figli (la più grande 20 anni, il più piccolo 10) aspettano notizie.
ARTICOLI CORRELATI
- Advertisment -




ARTICOLI POPOLARI